Eccellenza medica Virtus Bergamo: a tu per tu con il medico sociale Alberto Baldi


Eccellenza medica Virtus Bergamo: a tu per tu con il medico sociale Alberto Baldi

Abbiamo incontrato Alberto Baldi, il medico della squadra specializzato in ortopedia e traumatologia. Dottor Baldi lavora all’interno dell’ambito sportivo dal 1990 circa, quindi ha una grande esperienza nel campo e proprio per questo abbiamo deciso di indagare sugli infortuni più frequenti e comuni che nel corso della sua carriera ha visto
e che ha dovuto “affrontare”.
“Sono circa 27 anni che lavoro in ambito sportivo e nell’ambito della traumatologia del calcio: sicuramente come infortuni più frequenti ho riscontrato quelli alla caviglia e al ginocchio. La distorsione alla caviglia è molto frequente, anzi forse il più frequente infortunio per un calciatore, ma negli ultimi tempi ho riscontrato un forte aumento dei problemi al ginocchio, soprattutto di quelli più gravi”
È presto detto che nel momento in cui un giocatore si fa male interviene il medico, ma c’è una componente nel corso della guarigione che riguarda solo l’atleta? E come aiuta i giocatori nel percorso di ripresa?
“Il trattamento delle lesioni riportate da uno sportivo prevede un gioco di squadra molto importante. Si parte con la
diagnosi medica, quindi l’individuazione del problema, ma accanto al medico ci sono una serie di figure altrettanto necessarie per la completa “guarigione”, quali il massaggiatore, il fisioterapista, il riabilitatore, il preparatore atletico,
l’allenatore e ovviamente il calciatore. Forse quest’ultimo ha il lavoro più complicato da svolgere; il fattore psicologico incide molto su un ragazzo e dopo un infortunio non bisogna lasciarsi abbattere, ma cercare di
reagire e affrontare il problema un passo alla volta. Dalla diagnosi si passa alla cura in sé ma se il giocatore non
la accetta è certo che il periodo di ripresa si prolungherà e potrebbe non dare i risultati sperati. Sono cose che
capitano raramente perché, essendo appunto un lavoro di squadra gli ostacoli si affrontano insieme”.
Ci ha detto che sono circa 27 anni che lavora in questo ambito, quali sono i cambiamenti e le differenze di
infortuni che ha visto?
“Il caso più eclatante è l’infortunio che comporta la rottura del crociato anteriore del ginocchio. Vent’anni fa era un infortunio che aveva una certa frequenza e al giorno d’oggi è aumentata molto in tutte le categorie e anche nel calcio femminile. Le cause di questo aumento non si possono solamente attribuire al cambiamento del campo da gioco dall’erba al sintetico, ma anche a un cambiamento notevole del gioco del calcio in sé”.
Essendo un infortunio così serio e frequente, quello del ginocchio, c’è qualcosa che si può fare per prevenirlo?
“Tutti gli infortuni possono avere una sorta di prevenzione, il punto fondamentale è la preparazione atletica dei ragazzi, ma poi ci sono la ginnastica propriocettiva, il rinforzo muscolare o comunque dei lavori specifici che
possono aiutare il corpo a sopportare tutti quei movimenti che possono provocare “danni” e sicuramente il
continuo esercizio e allenamento aiutano a diminuire il rischio”.



Articoli correlati

Virtus nella storia: il mister Armando Madonna, una carriera tra i grandi, una vita al Carillo

Il direttore del marketing Virtus Bergamo 1909 Aurelio Rota “Il trend della comunicazione bianconera è in continua crescita”

Vita da mister 4, Ilario Di Nicola e i suoi Allievi B 2002. “Lavoriamo al presente puntando a crescere giocatori pronti per la 1° squadra o per i Prof”

VIDEO – Il girone d’andata della Virtus Bergamo 1909. Il ds Mirco Poloni “Soddisfatti, ma l’asticella si può sempre alzare. A Rezzato e con il Dro le vittorie più belle”

Vita da mister 5, professor Flavio Manenti, Esordienti 2005. “Vedo i miei ragazzi crescere giorno dopo giorno”

Vita da mister-4: Piercarlo Falconi, da Cene alla Virtus, tecnico dei Pulcini 2007 Bianchi tra l’importanza del gioco di squadra e i risultati scolastici

Prossima Partita

Virtus Bergamo
-
Levico Terme
-
domenica 14 gennaio 14:30

Ultima Partita

Trento
2
Virtus Bergamo
1
domenica 7 gennaio 14:30

Video

Sponsor