Un sole rosso tinto di bianconero, un pomeriggio speciale per la Prima squadra Virtus Bergamo 1909, insieme ai suoi dirigenti alla Casa del Sole della Paolo Belli, nelle vicinanze del’Ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, nella sede della Onlus nata nel 1992 per la lotta contro la leucemia e che si è rivolta con il passare degli anni anche a malati oncologici o a chi è in attesa di trapianto, con progetti di ricerca e di assistenza.

I giocatori bianconeri, accompagnati dal presidente Ezio Morosini, dal referente della Prima squadra Marco Mancin, dal ds Mirco Poloni e dal tecnico Armando Madonna, insieme ai dirigenti Aurelio Rota e Leonardo Marconi, sono scesi nella sala conferenze del nuovo centro dell’Associazione legata da più di 20 anni al mondo del calcio in quel di Alzano Lombardo, per scoprire da vicino la mission della Paolo Belli.

I ragazzi sono stati poi guidati nella struttura dal presidente Silvano Manzoni e dal presidente dell’Ail di Bergamo, l’Associazione Italiana contro le Leucemie, Linfomi e Mielomi, Pierantonio Piazzini, da sempre vicino alle sorti della squadra in campo al Carillo di Alzano Lombardo, ed entrambi ex giocatori in maglia bianconera: Virtus Bergamo 1909 ha visto da vicino i luoghi dove i malati trascorrono la loro giornata durante le cure, informandosi sulla realtà del volontariato firmato Paolo Belli. Da parte loro i ragazzi hanno donato la maglietta ufficiale bianconera e un pallone con le firme di tutti i giocatori.

Quel sole rosso presente sui pantaloncini dei nostri ragazzi da oggi, dopo aver toccato con mano la realtà di persone in difficoltà, bisognose di aiuto e appoggiati dai numerosi ed instancabili volontari della Paolo Belli, sarà sempre più un faro che li guiderà nella loro battaglia in campo, vicini con il pensiero a chi nella vita si trova a combattere battaglie ben più importanti.

Ricordiamo che in occasione della Santa Pasqua Virtus Bergamo 1909 parteciperà alla raccolta di fondi per la Paolo Belli attraverso le uova di cioccolato che i tifosi troveranno allo stadio Carillo Pesenti Pigna di Alzano Lombardo.

 

img_6393 img_6390 img_6382 img_6378 img_6377