Il settore giovanile Virtus Bergamo 1909: il bilancio del 2016 gli auguri per il nuovo anno del responsabile Maurizio Casali


Il settore giovanile Virtus Bergamo 1909: il bilancio del 2016 gli auguri per il nuovo anno del responsabile Maurizio Casali

La fine dell’anno è un momento di bilanci e di buoni propositi per quello successivo. Il 2016 del settore giovanile Virtus Bergamo 1909 è stato a dir poco fantastico, sia per i risultati, che per il passaggio di diversi ragazzi nei professionisti, che per la crescita dei nostri piccoli campioni, insieme a quella di un gruppo dirigenziale sempre più affiatato.

L’analisi di questa annata la facciamo insieme al responsabile della “cantera” bianconera Maurizio Casali.

“Siamo partiti con buoni propositi e fino ad oggi siamo molto soddisfatti di come la stagione si sta avviando: senza essere vincolati ai risultati, che per le categorie agonistiche sono importanti, devo dire che ho notato una crescita importante in tutte le squadre, soprattutto dei nuovi che sono entrati a far parte da quest’anno di questa società e hanno mantenuto le aspettative che avevamo su di loro”.

Cosa rimane di questo meraviglioso anno solare 2016?

“C’è sicuramente un enorme soddisfazione, è dura chiedere di più rispetto a quello che abbiamo ottenuto nel 2015/2016, ma nel calcio mai dire mai: rimane la soddisfazione per i risultati e per la crescita della società, dove i primi sono il frutto di un gruppo dirigenziale che ha feeling, sia con le squadre che con l’ambiente, oltre alle capacità degli allenatori, le qualità dei ragazzi, la serenità con la quale abbiamo lavorato”.

Non solo risultati prestigiosi, ma diversi giocatori volati per lidi ancor più prestigiosi.

“Mi rimane anche la soddisfazione che alcuni ragazzi hanno fatto il salto in categorie professionistiche e molti si stanno conformando in queste società: non era il frutto di un’annata positiva, ma avevano qualcosa d’importante da mettere in campo, senza nulla togliere ai ragazzi rimasti che stanno facendo grande la Virtus”.

Le squadre che più l’hanno sorpresa in questa prima parte di stagione: partiamo dalla fascia agonistica.

“La squadra dei Giovanissimi 2002, senza nulla togliere agli altri: hanno lamentato l’assenza di qualche giocatore di qualità e si è dimostrato un gruppo compatto e  solido, dove non emerge un giocatore di spicco, e sono quelli che mi hanno più impressionato”.

Tra i più piccolini?

“Non voglio togliere nulla a nessuno, ma scelgo i Pulcini 2007 Rossi per un semplice motivo: sono cresciute tutte le squadre, ma loro erano un gruppo nuovo, con ragazzi che provenivano da tante società diverse, era quello più in difficoltà ma ha dimostrato con i tecnici Germani e Porcino di fare progressi enormi, sia sotto l’aspetto tecnico, atletico e caratteriale e adesso mettono in difficoltà chiunque”.

La Juniores ha chiuso in testa l’andata, una squadra che ha seguito da vicino in questi anni.

“I 1999 li ricordo dagli Esordienti e sono sempre stati una formazione importante, hanno perso qualche giocatore passato nei professionisti nel corso degli anni: siamo stati anche bravi a inserire giocatori adatti nel gruppo, potrebbe essere la Virtus del futuro, tutta fatta in casa, quest’annata potrebbe essere quella che ci avvicinerà a questa idea”.

Il settore Virtus Bergamo 1909 cresce di giorno in giorno, che aria speciale si respira tra San Tomaso, Alzano Sopra, Comenduno di Albino, Villaggio degli Sposi, Carillo di Alzano e Falco di Albino?

“Di speciale c’è la società alle spalle che esaudisce tutte le nostre esigenze, abbiamo utilizzato impianti che ci permettevano di allenarci senza sosta, la possibilità di avere mezzi di trasporto per ragazzi anche più lontani, abbiamo allenatori che sono preparati, umili, vogliosi di migliorarsi  e mettersi in discussione, la giusta voglia di crescere per fare sempre un passo in avanti. Non siamo in vetta, i professionisti hanno qualcosa in più di noi e quindi dobbiamo sempre migliorare, rimanendo con i piedi per terra, avendo rispetto per gli avversari e serve sempre la fame giusta per arrivare a centrare i risultati”.

Gli auguri del responsabile del settore giovanile Virtus Bergamo 1909.

“Il mio augurio è di continuare a raccogliere soddisfazioni non solo dal punto di vista dei risultati, ma personali, morali e di autostima, con la possibilità di raccogliere concretamente qualcosa con la squadra o anche un provino in un società professionista. Chiedo loro di mantenere i principi in cui Virtus Bergamo 1909 ha sempre creduto: aver rispetto dei genitori e della famiglia, di mettere la scuola davanti al calcio, e cercare di fare il proprio meglio con serietà nei 2-3 giorni in cui ci si allena, perché solo così alla domenica si raccolgono i frutti del lavoro svolto”.

 



Articoli correlati

Prossima Partita

-
-
domenica 5 Maggio 15:00

Ultima Partita

Virtus Bergamo
1
Villa d'Almè VB
1
domenica 5 Maggio 15:00

Video

Sponsor